• La distanza non è un problema
  • La distanza non è un problema
  • La distanza non è un problema
  • La distanza non è un problema

Iscriviti alla Newsletter Gratuita

I dati sensibili saranno trattati ai sensi del D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003. Si prega di prendere visione dell'informativa sulla privacy.

Cerca la news

Le News Tamburelli-Quintavalle

Rivalutati gli assegni per il nucleo familiare Prestazione Dal Primo Luglio 2009

 
Con la circolare numero 81/2009 l’INPS ha comunicato le nuove rivalutazioni dei livelli di reddito per la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare dal 01/07/2009.
I livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare, sono rivalutati annualmente con effetto dal 1° luglio di ogni anno, in misura pari alla variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’ISTAT, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente. Il reddito, infatti, da considerare per abbinarlo alle varie fasce aumentate del 3.2%, e’ l’ultimo dichiarato e relativo al 2008.
l’ANF ha sostituito i vecchi assegni familiari con alcune esclusioni: coltivatori diretti, mezzadri e coloni, piccoli coltivatori diretti e titolari di pensione a carico delle gestioni speciali dei coltivatori diretti, coloni, mezzadri, artigiani e commercianti (per questi ultimi detto maggiorazione della pensione). L’INPS paga direttamente l’assegno agli agricoli, ai collaboratori domestici, ai disoccupati e ai collaboratori iscritti alla gestione separata.
ANF ai parasubordinati e collaboratori occasionali iscritti a seguito del superamento dei 5000 Euro di compenso
Dal 01/01/1998 l’assegno per il nucleo familiare spetta anche ai collaboratori coordinati e continuativi, quelli che dal 24 ottobre 2003 sono stati inquadrati in un progetto, ai venditori porta a porta, agli associati in partecipazione e ai liberi professionisti iscritti alla gestione separata, alle stesse condizioni dei lavoratori dipendenti.
Le domande per i parasubordinati devono essere presentate direttamente all’INPS entro il primo febbraio dell’anno successivo a quello cui si riferisce l’erogazione e per i periodi coperti da contribuzione. (modello Anf/Gest.sep). Possono essere presentate anche domande per anni indietro nel limite della prescrizione quinquennale prevista.
L’assegno viene pagato solamente per i mesi coperti da contribuzione.
ANF al coniuge
Dal 1° gennaio 2005 il pagamento dell’assegno può essere effettuato direttamente al coniuge del lavoratore che ne ha diritto. Il coniuge, che non deve essere titolare di un autonomo diritto all’assegno, non essere lavoro subordinato o titolare di pensione, deve fare domanda al datore di lavoro o all’Inps attraverso i moduli utilizzati dall’altro coniuge (ANF/DIP, ANF/PREST ecc.). Oppure, se questi moduli sono già stati presentati, il coniuge può presentare una autonoma domanda al datore di lavoro o all’Inps utilizzando appositi moduli (ANF/DIP559, ANF/PENS 559, ANF/PREST 559).
Prescrizione
A proposito si ricorda che la prescrizione sull’assegno ANF opera in questo modo:
Cinque anni dal primo giorno successivo a quello nel quale è compreso il periodo di lavoro al quale l’ANF si riferisce (diritto dell’ANF).
Cinque anni dalla scadenza del periodo di paga al quale l’ANF si riferisce o nel quale è stato corrisposto in caso di arretrati (diritto del datore di lavoro al rimborso).
Pagamento assegno per periodi pregressi
Il pagamento degli  arretrati per la prestazione del Assegno per il nucleo familiare per il lavoratore che ha cambiato lavoro, dovranno essere richiesti al vecchio datore di lavoro nel termine di cinque anni (messaggio INPS n° 12790/2006).
Rossella Quintavalle
C.d.L. in Roma
 
 
 
 
 
Studio Associato Tamburelli-Quintavalle
P.IVA 03530611007
Via Adolfo Gandiglio, 27 - 00151 Roma
Tel 06.65740153 - Fax 06.65741754
Produced by Salvatore Leo WebInformatica
Copyright © 2011 Studio Tamburelli Quintavalle.
Tutti i diritti riservati.